Ultimi Articoli
  1. La via del Silenzio e dell’Ascolto
    La mia esperienza nel Ritiro silenzioso di 7 giorn...
    mercoledì, 19 febbraio 2020 Articolo di Marina Ciampelli
  2. Attraversare le emozioni, coltivare la compassione
    1-3 Novembre: Seminario condotto da Franco Cucchio...
    sabato, 11 gennaio 2020 Articolo di Marina Ciampelli
  3. Testimonianze dal PTI, training del Center for Mindfulness per l’abilitazione all’insegnamento del programma MBSR
    Il racconto dell'esperienza del training PTI, Prac...
    domenica, 24 giugno 2018 Articolo di a cura di Elisa Chiodarelli
Ultimi Commenti
  1. mercoledì, 21 febbraio 2018 Commento di Elena Bilotta La rivoluzione in un respiro
    Grazie a te Sabina, per la tua lettura a cuore ape...
  2. martedì, 20 febbraio 2018 Commento di sabina La rivoluzione in un respiro
    Grazie Elena. Ho riletto il Tuo scritto piu' volt...
  3. lunedì, 19 febbraio 2018 Commento di elena bilotta La rivoluzione in un respiro
    Grazie per le vostre parole! Dopo aver speriment...

La via del Silenzio e dell’Ascolto

mercoledì, 19 febbraio 2020 | Articolo di Marina Ciampelli | 0 commenti

La mia esperienza nel Ritiro silenzioso di 7 giorni

Quando le persone che conosco hanno saputo che ero appena tornata da un ritiro di sette giorni silenzioso, sette giorni di pratiche di Mindfulness, da mattina a sera, rispettando il silenzio, mi dicevano: "ma come hai fatto?? Io non potrei mai!" 

E naturalmente non hanno tutti i torti a pensarla così, perché stare in silenzio, mentre continui a condividere spazi e attività con altre persone, è qualcosa di assolutamente inusuale. 

Come assolutamente inusuale è dedicare tanta attenzione a sé stessi, tanto ascolto, in pratiche di meditazione che si ripetono da mattina a sera, senza fare altro

Nella nostra natura di animali sociali siamo abituati a parlare, per scambiare opinioni, sentimenti, progetti su tutto quello che fa parte della nostra vita. 

Purtroppo però siamo anche abituati a riempire i silenzi e gli spazi vuoti, fagocitando informazioni, attività, cercando di scacciare le emozioni fastidiose come l'ansia o la noia. E a forza di riempire ci ritroviamo senza più un po' di spazio per noi, per ascoltarci e sentire, capire quello di cui abbiamo veramente bisogno.

E, abituati come siamo ad avere dei giudizi e dei concetti sulle nostre esperienze, anche su quelle che non abbiamo mai fatto prima, è naturale che la nostra mente, di fronte all'informazione "silenzio per sette giorni" si spaventi e la giudichi una esperienza eccessiva. Non c'è niente di male, di sbagliato o strano! E eccessiva, nel senso di intensa e profonda, lo è davvero.

 

Perché, per me, é l'esperienza più profonda che finora possa aver fatto

 

E la sua profondità sta proprio nel fatto che attraverso la pratica ci svincoliamo dai concetti che la nostra mente produce senza sosta, e ci permettiamo di aprirci ad una esperienza aconcettuale, in cui il filtro dei pensieri è dei nostri schemi viene riconosciuto e allentato. Piano piano, pratica dopo pratica, respiro dopo respiro, ritroviamo il contatto diretto con i sensi, con l'esperire, con tutto ciò che già c'è, non quello che pensiamo dovrebbe essere o esserci, senza cambiare nulla. 

 

Franco, guida gentile e intensamente stimolante, ci ha condotto dentro la profondità di questa esperienza, in un viaggio intimo e delicato all'interno di noi stessi. Invitandoci ripetutamente a non andare verso l'esperienza, a non cercarla né a cercare qualcosa, ma ad aprirci semplicemente a quello che già c'era, ci ha incoraggiato a non aggrapparci a niente e a rimanere in contatto continuo con quello che poteva emergere. 

Un respiro dopo l'altro e un passo dopo l'altro, il silenzio non é rimasto un vuoto, ma si è spontaneamente riempito di tutte quelle infinite qualità e sfaccettature di cui la nostra vita é già piena e ricca così com'è: basta solo fermarsi, rallentare, e riaprire i sensi per poterle assaporare. 

Spesso ci chiediamo se "vado bene così?", sia nella pratica e ancor più nella vita. Ma non si tratta di questo. 

Nella pratica, e nella vita, é più importante chiedersi: "voglio stare con te?", inteso come "posso io rimanere con me stesso, mentre siedo, mentre cammino, mentre mangio o parlo, mentre vivo"? Invece che allontanarmi e perdermi in infinite altre cose, invece che giudicarmi e giudicare l'esperienza qualsiasi essa sia, e piuttosto invece accogliendo quello che arriva, come la cosa più importante che possiamo sperimentare in questo momento, in ogni momento.

 

"Sai aspettare? 

So bruciare. 

Fino alle braci? 

Fino alle braci. 

È Perfetto." 

 

Con questa poesia di Chandra Livia Candiani tocchiamo il senso della semplicità della pratica. So stare, so fermarmi, so sentire. Tutto quello che c'è, e fino in fondo. 

In questi sette giorni un'esperienza che per me è stata sorprendente è stata che in taluni momenti  sopraggiungeva un senso di totale e completo appagamento, che non aveva a che vedere con lo stare bene, ma con lo stare in completa armonia e fusione con l'ambiente circostante. Sentivo come se non ci fossero più separazioni fra me e il paesaggio, visivo, sonoro, olfattivo, come se fossi un tutt'uno col circostante, che la profondità si appiattisse e diventasse toccabile, palpabile, o come se tutto assumesse una forma di tridimensionalità di cui mi sentivo  completamente parte. Come se entrassi nel quadro, e quel quadro ero io. E non c'era bisogno di altro. Perché era già tutto perfetto così com'era in quel momento. 

Così i sette giorni sono passati, il silenzio é stata una ricchezza, che in piccola misura possiamo coltivare anche nella nostra vita così piena e caotica. Tenendo sempre a mente la semplicità. 

Perché Mindfulness ha a che fare con la semplicità: la semplicità di un incontro con noi stessi

La semplicità di incontrare il nostro respiro e di riposare su di esso.

Grazie Franco per averci condotto in questa esperienza, profonda, intensa, delicata.

 

(...) Invece ho solo bisogno di silenzio

tanto ho parlato, troppo

è arrivato il tempo di tacere

di raccogliere i pensieri

allegri, tristi, dolci, amari,

ce ne sono tanti dentro ognuno di noi (..)

Alda Merini 

 

 

Tags:

Articoli correlati

Lascia un commento